Comune di Rosolini

Storia del comune

Comune di ROSOLINI - Guida a cura del Prof. Meli
       

****************

CONOSCI ROSOLINI
Ricerca storica e fotografica a cura del prof. Piero MELI

****************

[ Indice ] [ Home ]

COSA SAPERE

ROSOLINI STORIA E CULTURA

Cenni storici

Rosolini, borgo feudale, si è sviluppata in un arco di tempo di oltre due secoli. La sua origine può farsi risalire alla metà del XV secolo in seguito al matrimonio tra Antonio Platamone e Margherita De Podio, la quale porta in dote il feudo Cugni d’Incumbao, più conosciuto come Li Salini, cioè il nostro attuale territorio.

Fu allora che venne richiesta a Ferdinando il Cattolico l’autorizzazione a costruire un castello per dare origine a una città che fosse poi riconosciuta come gli altri nobili feudi del regno. Tale autorizzazione venne concessa il 15 gennaio 1485. Essendo il feudo pertinenza della città di Noto, la concessione venne annullata due anni dopo su pressione della nobiltà netina.


stemma della famoglia PlatamoneIl conflitto tra i Platamone e i giurati di Noto durò circa due secoli, tra concessioni e revoche, poiché le autorità non intendevano rinunciare al privilegio di riscuotere le terze parti del raccolto. In questa lite furono protagonisti anche i coloni che nel frattempo avevano popolato il territorio del feudo e che si ribellarono al pagamento dei tributi. Arriviamo così al maggio del 1704 quando il Principe di Lardaria, Don Francesco Moncada Cirino, sposa Eleonora Platamone, unica erede del patrimonio della sua famiglia.

 

 

 


stemma della famoglia MoncadaFrancesco Moncada, con il suo prestigio, riesce a fare ciò che ai Platamone non era stato permesso di realizzare: egli ottiene, infatti, il 1° agosto del 1712, la “Licentia Populandi” con il benestare delle autorità netine.


I nuovi coloni si stabilirono attorno al così detto “Castello”; in effetti era l’abitazione della famiglia Moncada - Platamone, quando d’estate veniva da Palermo per brevi periodi, a incassare le gabelle. Oggi di tutto il palazzo ci rimane solo l’ampio cortile, la torretta campanarial'antica torretta campanaria del "castello Platamone" vicino al portone d’ingresso e qualche muro diroccato. Tuttora, nel dialetto locale, questo posto viene chiamato a Curti (la Corte) proprio per indicarne la funzione giuridica e il luogo che vide sorgere le prime case della città. Se del “Castello” non è rimasto quasi nulla, tuttavia è possibile ammirare una stupenda basilica paleocristiana ipogea, inglobata nel complesso e che ha dato origine al nome di Rosolini.

[ Indice ] [ Home ]

<< - >>